Benin - Ospedale di Zinviè - Pasto giornaliero ai 50 bambini di pediatria

foto beninFulvia Russo, la nostra presidente ci ha donato questi toccanti appunti di viaggio.


Nell'ospedale di Zinviè in Benin non vi è solo il reparto di neonatologia , ma vari altri reparti tra cui anche quello di pediatria, occupato di circa 50 bambini.
Quando nel luglio 2005 sono stata per l'ultima volta a prestare la mia opera di volontariato in ospedale assieme a Bruna Tramontano ci siamo letteralmente "industriate", e non è stato facile, credetemi per aiutare ed intrattenere questi bambini. Per la maggor parte infatti non parlano il francese, ed è stato difficile intrattenerli durante la giornata, insegnando loro a disegnare, a cantare, ad incollare puzzle su libri di favole, tipo cappuccetto rosso e la bella addormentata nel bosco.
Molti di questi bambini non avevano mai visto un libro e non sapevano che esistessero i pastelli colorati, i primi giorni è stato un assedio, perchè sia i bambini , ma sopratutto le loro mamme, avrebbero voluto strapparci letteralmente dalle mani tutto quello che portavamo loro.


Abbiamo letto, in chiave psicologica, Bruna ed io, questa voglia di possesso.In realtà questa è voglia di sapere, conoscere ed immergersi nella nostra civiltà, anche attraverso piccolezze. Si tratta di persone che non hanno avuto mai nulla, non hanno conosciuto nulla della vita di noi occidentali, delle nostre abitudini e del nostro benessere.
Ma come potrebbero. A loro mancano i beni essenziali della vita, il cibo, un letto per dormire, il vestiario. Fanno una gran pena. Li vedi scalzi, con magliettine strappate e tanto più grandi di loro magari prese a prestito; li vedi guardarti con quegli occhi di pietà e di richiesta continua.

 

Hanno sete di avere, hanno sete di sapere vogliono prendere tutto quello che è possibile prendere con l'avidità di chi è affamato, denutrito, dove la miseria ha lasciato spazio ad una debolissima speranza, e quella speranza per loro siamo noi.

foto beninVolete condannarli per questo? Volete abbandonarli?
Io non me la sento sono con loro e lo sarò sempre e proprio dopo avere visto quegli sguardi patiti quei corpicini denutriti, che ho chiesto al responsabile dei Camilliani cosa altro noi della Fondazione avremmo potuto fare di concreto e tangibile per loro.
Mi hanno spiegato che, secondo le regole dell'ospedale, gli ammalati devono provvedere a procurarsi il cibo, perchè non è previsto che anche il pasto sia in dotazione, così come in tutti gli altri ospedali del posto. Solo i cinquanta bambini della pediatria ricevono un pasto giornaliero, che viene offerto alle 12, l'unico momento in cui i bambini hanno qualcosa da mangiare. Nonostante ciò, durante il mio soggiorno ho visto morire per denutrizione due ragazzi del reparto.
Ho offerto l'aiuto della Fondazione per provvedere anche alla loro cena, il cui costo mensile mi è stato quantificato in 550 euro al mese per tutti i 50 bambini del reparto.
Il nostro aiuto è partito già dal mese di gennaio 2006 e da allora abbiamo provveduto ad inviare all'Ospedale di Zinviè la somma di 1650,00 euro ogni trimestre.
Ai nostri sostenitori rivolgiamo quindi un appello: dateci la forza per portare avanti con esito positivo e duraturo questo aiuto.

Sostieni questo progetto: scarica, compila e inviaci il modulo di adesione

 

 

 


 

Immagini dalla cucina dell'Ospedale di Zinviè

benin_cucina03benin_cucina01benin_cucina02benin_cucina04
benin_cucina05benin_cucina08benin_cucina07benin_cucina06

 

Chers amis,

Nous avons effectivement commencé le projet de nourriture pour les enfants de la pédiatrie depuis le 1er Avril 2006.
Ils ont actuellement 3 repas par jour, les 2 premiers étant supportés par nous même.

Nous vous envoyons quelques photos.

A bientôt
Merci pour tout
P. Raoul AYIOU , le Directeur


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento . Cliccando sul tasto Agree (Accetta), chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information