Home Progetti Progetti in corso Nisida - formazione e lavoro

Progetto Nisida - Formazione e lavoro

Perché aiutare i ragazzi di Nisida?

PlacidoAll’interno dell’Istituto Penale per i minori di Nisida sono reclusi ragazze e ragazzi che, sebbene colpevoli di aver commesso un errore, si troveranno una volta scontata la pena a doversi re-inserire all’interno del tessuto sociale senza avere il più delle volte alcuna prospettiva, se non quella di ritornare a cedere al richiamo dell’illegalità. Aiutarli significa non solo dare loro una prospettiva di vita più onesta, ma anche contribuire a costruire un futuro più civile per la nostra città.

Per questo nel 2005, su spinta di un amico della Fondazione, l'avv. Mimì Fusella, nasce il Progetto Nisida per l’avviamento al lavoro dei ragazzi che abbiano terminato di scontatare la pena detentiva.

Scopo del progetto è fornire ai ragazzi, già alla fine del periodo di detenzione, gli indirizzi culturali e le capacità formative da perfezionare poi attraverso stage lavorativi post-pena, che consentano loro un potenziale reinserimento nel mercato del lavoro ed il convincimento della portata positiva dei valori di legalità, cultura e civiltà.

 Come operiamo a Nisida

La Fondazione “Il meglio di te - ONLUS” offre un sostegno a 360 gradi ai ragazzi di Nisida, seguendoli per tutto l’iter rieducativo.Il progetto si esplica attraverso quattro fasi distinte ma propedeutiche l’una alle altre:


I – Indiv01 tavolarotiduazione ed ascolto dei ragazzi da coinvolgere nel progetto

Questa fase, operata in sinergica collaborazione tra la Fondazione “Il meglio di te” e l’Istituzione carceraria, consente un primo contatto tra i detenuti ed i volontari della ONLUS.

La Direzione del carcere ci segnala infatti i nomi dei detenuti che possono ambire ad un reinserimento onesto nella società.

Gli psicologi della Fondazione hanno così la possibilità di incontrare i giovani detenuti, conoscerne la storia, valutarne attitudini, ambizioni e potenzialità per coinvolgerli ed orientarli poi alla attività per la quale dimostreranno maggiore predisposizione ed interesse.


05II - Offerta di un lavoro “onesto” al termine del periodo di detenzione

La Fondazione, attraverso il lavoro dei suoi volontari, svolge un’opera di intermediazione con imprenditori, commercianti ed artigiani sensibilizzando così i potenziali di lavoro ad insegnare concretamente un mestiere ai ragazzi nell’ambito di stage per i quali la ONLUS si assume ogni spesa. L’impresa può contare sull’aiuto dei ragazzi e contestualmente ciascun giovane può così imparare un mestiere che potrà continuare a svolgere, con l’esperienza acquisita, anche al termine dello stage.

 

 
02 educatriciIII - Il coinvolgimento dei ragazzi in incontri e manifestazioni culturali.

Questa fase, parallela e contestuale alle prime tre, prevede l’intervento della Fondazione all’interno della struttura detentiva ed il coinvolgimento di artisti e personalità note, al fine di favorire un dibattito aperto sui modelli culturali positivi ispirati ai valori della legalità e della convivenza civile.

IV - Il sostegno alla cooperativa Sociale "Nesis - Gli amici di Nisida"

Dal 2016 la Fondazione contribuisce a sostnere la Cooperativa sociale Nesis, organizzazione senza fine di lucro finalizzata a migliorare le condizioni economiche, sociali e formative di tanti giovani che versano in uno stato di difficoltà presso l'I.P.M. dell'isola. La Onlus ha finanziato l'avvio della startup, sostenendo il progetto nato nel laboratorio di ceramica del carcere di Nisida (riattivato nel 2011 da "Il meglio di te").


Nesis, con il sostegno della Fondazione, porta quotidianamente all’interno dell’Istituto Penale per i Minorenni di Nisida, due maestri ceramisti e alcuni volontari per svolgere corsi di formazione per i ragazzi e per produrre manufatti artistici (firmati con il logo 'Nciarmato a Nisida) destinati alla vendita per il sostentamento delle attività che, negli obiettivi della Coop, punta ad autosostenersi nell'arco di un triennio.

 

Come finanziamo il progetto Nisida

Il progetto viene finanziato attraverso tre canali principali:

Donazioni: Molti, privati ed aziende, hanno deciso di effettuare una donazione alla Fondazione per supportare il progetto Nisida. Puoi farlo anche tu direttamente dal nostro sito, cliccando qui!!

5 x mille: Destinaci il 5 per mille della tua dichiarazione dei redditi; è una forma di supporto alla Fondazione che non ti costa nulla e che è per noi un aiuto economico importante che si rinnova anno dopo anno.

Sostegno delle Istituzioni: Hanno collaborato per il progetto Nisida della Fondazione “Il meglio di te – ONLUS” tra gli altri:

•Il Comando Regionale Campania della Guardia di Finanza devolvendo il ricavato dell’iniziativa benefica “Solidarte 2011”.

•Il Ministero dell’Economia che ha collaborato con la Fondazione contribuendo sia al finanziamento di macchinari per il laboratorio di ceramica di Nisida sia al costo annuale del corso di ceramica per il 2011.

Come seguire la propria donazione e vederla trasformarsi in aiuto concreto

Ciascuna donazione alla nostra ONLUS potrà in ogni momento essere seguita nelle pagine del nostro sito dedicate ai  bilanci per verificare come i fondi raccolti per il progetto vengono spesi per i ragazzi di Nisida

Contribuire al progetto Nisida

Oltre che con una donazione si può contribuire al progetto indicando alla Fondazione imprenditori ed artigiani (industriali ma anche falegnami, fabbri, albergatori, parrucchieri o quant’altro) che vogliano offrire ai giovani di Nisida opportunità di tirocini da noi sovvenzionati.

E' possibile sostenere i giovani detenuti dell'Istituto Penale per i Minorenni partenopeo anche acquistando le opere d'arte prodotte in carcere. Per farlo si può contattare la Fondazione dalla apposita sezione del sito contatti o, visitando il sito della Cooperativa Sociale Nesis


I giovani sono il nostro futuro. Aiutare i ragazzi di Nisida significa aiutare lo sviluppo della nostra città.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento . Cliccando sul tasto Agree (Accetta), chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information